CNA: da oggi via alle domande per partecipare al Bando ISI INAIL 2017

Resta informato sui bandi

Completa il modulo e ricevi notizie sui bandi in uscita. 

Richiedi un appuntamento

Richiedi un appuntamento con il responsabile di riferimento

Apre oggi 19 Aprile e rimarrà aperto sino al prossimo 31 Maggio lo sportello del bando ISI INAIL 2017 con il quale vengono messi a disposizione delle imprese contributi a fondo perduto per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, rivolto a PMI, imprese agricole ed Enti del terzo settore.

Le imprese potranno così investire usufruendo di un contributo a fondo perduto fino al 65% per un importo massimo di 130.000 euro.
Lo stanziamento spettante alla sola Regione Sicilia è pari a complessivi € 17.108.732 Euro (2,3 € milioni  in più rispetto all’anno scorso) di cui:

  • 6.247.973,00 Euro per i progetti di investimento ed i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale (tipologia 1);
  • 4.128.349,00 Euro per i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (tipologia 2);
  • 3.748.784,00 Euro per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto (tipologia 3);
  • 481.184,00 Euro per i progetti per micro e piccole imprese operanti in ambito dell’industria e produzione del legno (Ateco C.16) e produzione di prodotti refrattari, ceramica, porcellana e terracotta (Ateco C.23 2,3 e 4) (tipologia 4);
  • 2.502.442,00 euro per i progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli (tipologia 5);

Vengono confermate le misure che incentivano progetti di investimento per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale e gli interventi di bonifica amianto.
Quest’anno il bando prevede uno stanziamento per le micro imprese che operano nel settore dell’industria e produzione del legno e produzione di prodotti refrattari, ceramica, porcellana e terracotta.

Per gli Enti del Terzo Settore ci sarà l’opportunità di beneficiare del finanziamento anche per interventi di riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi.

Le tipologie ammissibili di progetto sono dunque:

  1. Progetti di investimento e progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale
  2. Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi 
  3. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto
  4. Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori dell’industria e produzione del legno (Ateco C.16) e produzione di prodotti refrattari, ceramica, porcellana e terracotta (Ateco C.23 2,3 e 4)
  5. Progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.

A titolo meramente esemplificativo possono finanziarsi investimenti quali: 

  • impianti antincendio,
  • impianti elettrici,
  • piattaforme mobili di carico,
  • muletti,
  • sostituzione tetti in amianto,
  • bobcat ed escavatori,
  • pavimentazione antiscivolo,
  • dispositivi di aspirazione,
  • acquisto/noleggio con patto d’acquisto di trattori agricoli o forestali e/o macchine agricole o forestali;
  • investimenti volti ad aumentare la sicurezza dei lavoriatori.

Il contributo per le tipologie 1, 2 e 3 è del 65% e potrà essere compreso tra  5.000 e 130.000 euro.
Per gli investimenti della tipologia 4 è previsto un contributo pari al 65% ed un finanziamento compreso tra 2.000 e 50.000,00 Euro. 
Per gli investimenti dedicati al comparto agricolo è previsto un contributo compreso tra il 40% e  50% ed un finanziamento compreso tra 1.000 e 60.000,00 Euro.

La presentazione delle domande avverrà in tre successive fasi:

  1. accesso alla procedura online e compilazione della domanda a partire dal 19 Aprile e fino alle ore 18.00 del 31 Maggio 2018.
  2. invio della domanda online, attraverso click day, da parte delle imprese che hanno raggiunto o superato la soglia minima di ammissibilità prevista e salvato la propria domanda;
  3. conferma della domanda online tramite l’invio della documentazione a corredo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: