Un “ponte” tra sistema scolastico e mondo del lavoro: accordo tra Cna e Assessorato alla Formazione

“Favorire le transizioni tra il sistema scolastico e formativo e il mondo del lavoro dei giovani attraverso l’orientamento e la valorizzazione delle competenze dei mestieri artigianali”.

E’ l’obiettivo di un percorso nuovo che vedrà assieme Cna Sicilia, Cna Pensionati e Assessorato regionale della Formazione Professionale e dell’Istruzione. 

Tramandare dunque i mestieri alle nuove generazioni, non solo quelli antichi e in via d’estinzione, ma tutte quelle attività artigiane che oggi rappresentano ancora una componente importante dell’economia dei territori.

Saperi e competenze che potrebbero trasformarsi in un’occasione di lavoro per centinaia di ragazzi. È questo l’obiettivo dell’accordo siglato stamani dai presidenti di Cna Sicilia e Cna pensionati, Nello Battiato e Francesco Roccella, e l’assessore regionale della formazione professionale e dell’istruzione, Roberto Lagalla.

Pensionati e giovani, quindi, si ritroveranno fianco a fianco in un percorso di condivisione delle esperienze, da una parte, e di valorizzazione delle abilità lavorative, dall’altra, che può tradursi nella creazione di nuovi posti di lavoro. Sono tanti, infatti, i mestieri artigiani che non conoscono crisi e per i quali la domanda supera l’offerta: dal pizzaiolo al pasticcere, dall’idraulico all’elettricista, dal sarto al calzolaio al lustrascarpe.

L’accordo ha l’obiettivo di: favorire l’orientamento e le esperienze di formazione in assetto lavorativo (alternanza scuola-lavoro, apprendistato, tirocini, work experience, ecc.) dei giovani durante il loro percorso di studi; promuovere la diffusione della cultura della sicurezza dei luoghi di lavoro nelle botteghe artigiane e nelle piccole e medie imprese; affermare la cultura e la formazione sull’artigianato digitale in un’ottica di innovazione e sviluppo dell’artigianato locale.

A questo proposito si prevede l’impiego di maestranze pensionate e il coinvolgimento di altre istituzioni, quali Fondazione Mondo Digitale e Partners Strategici del settore ICT, con cui CNA pensionati già collabora per la promozione della trasmissione dei saperi intergenerazionali.

Tutto ciò produrrà anche delle ricadute positive sul piano squisitamente sociale e culturale. Un altro importante risultato atteso è, infatti, quello della riduzione della dispersione scolastica e dell’aumentare del successo formativo degli studenti della Regione Siciliana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: